Terre di Lunigiana

10 luglio 2013

30 GIUGNO 2013: MARCIASO E POSTERLA

Iniziamo a colmare le lacune dei paesi del fosdinovese, l'idea iniziale era di visitare Pulica e Marciaso, con visita del secondo e poi tornando verso Fosdinovo il primo.
Invece... Partenza di primo pomeriggio, raggiungiamo Fosdinovo passando da Pomarino e Ponzanello, su strada esigente, dove una bella pulizia ai lati non guasterebbe proprio. Arriviamo in vista del mare, splendido panorama sulla val di Magra e anche su parte del Golfo dei Poeti, con la Palmaria in fondo. Proseguiamo per Carrara lungo la provinciale, facendo solo una breve fermata per qualche foto a Fosdinovo dall'alto.
Incrociamo quindi la deviazione per Pulica, sulla sinistra, con l'idea di visitarla al ritorno, ma non contavamo con i km ancora da fare per arrivare a Marciaso, interminabili ci sembrano, poi guardando sono solo 7. Marciaso ci appare incorniciato sotto le Apuane, borgo rotondo posto su un colle, come la dirimpettaia Bardine, già nel comune di Fivizzano.
La chiesa di San Bartolomeo si trova all'inizio del paese, poco dopo il bar ristorante, mentre il campanile è nel punto più alto del borgo. La visita fa rendere l'idea della sua struttura concentrica, con la via principale che si attorciglia su se stessa. Lasciato Marciaso, decidiamo di fare ritorno passando da Posterla, per poi proseguire da Bardine San Terenzo e Ceserano. Anche qui la strada non è delle migliori, ma in breve ci siamo. Vediamo prima la torre campanaria, nella parte alta del paese e più sotto le abitazioni, con al centro la chiesa di San Barolomeo.
Non incontriamo nessuno nelle poche stradine in pietra. Toccata e fuga e si riparte, lasciando Pulica per la prossima volta.

07 luglio 2013

26 MAGGIO 2013: VERSO IL CIRONE

Dopo Cisa, Cerreto, Rastrello, Borgallo, eccoci anche in direzione passo del Cirone, che divide/unisce la Lunigiana e il Parmense in comune di Corniglio. La strada verso il passo sale tortuosa da Pontremoli passando Mignegno ed entrando in Valdantena, dove il Magra muove i primi passi.
Superati Casalina e Groppodalosio, continua a salire verso Pracchiola e poi su tra i boschi che si fanno via via più radi fino al Cirone. La giornata è splendida e la vallata si apre davanti a noi fino a Pontremoli. Proprio al passo, crocevia di sentieri trekking come indicano i segnali, si trova la chiesetta della Madonna dell’Orsaro, inaugurata nel 2003, dal nome del monte che lo domina. La raggiungiamo in pochissimi minuti percorrendo una strada sterrata sul crinale.
È chiusa, giriamo attorno al tempio in pietra arenaria e ci fermiamo un po' a guardare la valle. Pace e tranquillità, ma anche un vento che ci spazza via!
 
eXTReMe Tracker